Apprendistato

L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani (art. 1, Testo Unico dell’Apprendistato).

 

L’apprendistato si appresta a diventare il canale tipico di ingresso dei giovani nel mondo del lavoro attraverso un contratto di qualità che coniuga formazione e continuità occupazionale.

Il Testo Unico dell’Apprendistato, approvato con Decreto Legislativo 15 settembre 2011, n. 167, garantisce una maggiore agibilità dello strumento, per lavoratori e imprese, attraverso una drastica semplificazione della materia che diviene omogenea sull’intero territorio nazionale.

A chi si rivolge.

Attualmente coesistono 4 tipologie di contratti di apprendistato, che si possono così sintetizzare:

  1. apprendistato per la qualifica e il diploma professionale:rivolto agli apprendisti che abbiano compiuto 15 anni e fino al compimento del 25esimo anno di età, assunti in tutti i settori di attività, anche per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione; la durata del contratto è determinata in considerazione della qualifica o del diploma da conseguire e non può in ogni caso essere superiore, per la sua componente formativa, a tre anni ovvero quattro nel caso di diploma quadriennale regionale. E’ stata recentemente avviata una sperimentazione da Regione Lombardia;
  1. apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere: rivolto agli apprendisti di età compresa tra i 18 anni e i 29 anni (17 anni, se si è in possesso di una qualifica professionale, conseguita ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226), assunti in tutti i settori di attività, pubblici o privati, per il conseguimento di una qualifica professionale a fini contrattuali;
  1. apprendistato di alta formazione e di ricerca: rivolto agli apprendisti di età compresa tra i 18 anni e i 29 anni (17 anni, se si è in possesso di una qualifica professionale, conseguita ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226), assunti in tutti i settori di attività, pubblici o privati, per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore, di titoli di studio universitari e della alta formazione, compresi i dottorati di ricerca, per la specializzazione tecnica superiore, con particolare riferimento ai diplomi relativi ai percorsi di specializzazione tecnologica degli istituti tecnici superiori, nonché per il praticantato per l’accesso alle professioni ordinistiche o per esperienze professionali;
  1. apprendistato per la riqualificazione di lavoratori in mobilità espulsi da processi produttivi.

Il contratto di apprendistato può avere una durata massima di 3 anni, estesi a 5 per le figure professionali dell’artigianato.

La formazione.

La normativa vigente obbliga le aziende a far frequentare al proprio apprendista corsi di formazione.

Con la DGR del 25 gennaio 2012, n. 2933 Regione Lombardia ha definito gli standard minimi e la durata della formazione per l’acquisizione di competenze di base e trasversali per gli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 4 del D.Lgs. 167/2011 in relazione al titolo di studio posseduto dagli apprendisti:

  • 120 ore nel triennio per gli apprendisti in possesso della sola licenza di scuola secondaria di primo grado (cd. licenza media) o privi di titolo di studio;
  • 80 ore nel triennio per gli apprendisti in possesso di attestato di qualifica o diploma professionale, o diploma d’istruzione;
  • 40 ore nel triennio per gli apprendisti in possesso di laurea o di altri titoli di livello terziario.

La formazione è svolta sotto la responsabilità della azienda ed è integrata, nei limiti delle risorse annualmente disponibili, dalla offerta formativa pubblica, interna o esterna alla azienda, finalizzata alla acquisizione di competenze di base e trasversali.

Le restanti ore tecnico-professionali, indicate nel CCNL di riferimento e negli Accordi settoriali sono erogate direttamente dall’azienda.

Agevolazioni per assunzione di apprendisti

AMVA – Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale è un Programma promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attuato da Italia Lavoro, con il contributo dei PON del Fondo Sociale europeo 2007-2013 “Azioni di sistema” e “Governance e azioni di sistema”.
Il Programma intende promuovere l’applicazione del contratto di apprendistato, per incrementare i livelli occupazionali dei giovani nel mercato del lavoro italiano.

Il programma, nel caso di assunzione con contratto di apprendistato di giovani da 15 a 29 anni, prevede:

  • un bonus di 5.500 euro per ogni giovane, che abbia compiuto quindici anni e fino al venticinquesimo anno di età, assunto con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale (in tutti i settori di attività);
  • un bonus di 4.700 euro di contributo per ogni giovane di età compresa tra i diciassette e i ventinove anni, assunto con contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere (in tutti i settori di attività).

 

come iscriversi
Offerta formativa 2013

Catalogo provinciale offerta dei servizi per l’apprendistato – periodo formativo 2012-2013

La Provincia di Lecco ha predisposto l’Avviso Dote Apprendistato Predisposizione del “Catalogo provinciale dell’offerta dei servizi integrati per l’Apprendistato – periodo formativo 2012-2013 riservato agli Enti Accreditati per la formazione ai sensi della legge regionale 19/2007 (iscritti nella sezione A o B dell’Albo regionale) o a reti di enti accreditati per la realizzazione di corsi di formazione per apprendisti.

L’Avviso è stato predisposto sulla base delle Linee di Indirizzo Regionali (DDUO del 5 dicembre 2011, n. 11960 e DDUO del 17 aprile 2012, n. 3322 e DGR del 25 gennaio 2012, n. 2933) e delle Linee di Indirizzo stabilite dalla Giunta Provinciale con Delibera n. 41 del 17.02.2012.


I corsi di formazione e i servizi previsti nel Catalogo provinciale dell’offerta dei servizi integrati per l’apprendistato periodo 2012/2013 saranno erogati dalla rete con capofila A.P.A.F. – Agenzia Provinciale per le Attività Formative è composta da:

  1. APAF - Agenzia Provinciale Attività Formative
  2. Centro di Formazione Professionale Aldo Moro;
  3. Consorzio Consolida Società Cooperativa;
  4. Ecole – Enti Confindustriali Lombardi per l’educazione;
  5. Elfi – Ente Lombardo per la formazione d’Impresa;
  6. ESPE Lecco;
  7. Fondazione ENAIP sede di Lecco;
  8. Fondazione Luigi Clerici Lecco;
  9. Fondazione Luigi Clerici Merate;
  10. IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro Lombardia Srl - Impresa Sociale;
  11. Omnia Language Società Cooperativa;
  12. Api – Associazione Piccole e Medie Imprese;
  13. Confartigianato – Imprese Unione Artigiani Lecco;
  14. Confcommercio Unione Commercianti Lecchesi;
  15. Confcooperative Lecco;
  16. Confindustria Lecco

Possono accedere all’offerta di servizi integrati le imprese con sede legale e/o operativa in Provincia di Lecco.


L’elenco dei corsi è consultabile sul portale di A.P.A.F.: le aziende, dopo essersi registrate, possono prenotare la propria Dote-apprendistato e preiscrivere gli apprendisti ai corsi.


Con il Decreto 12551 del 21/12/2012, la Direzione Generale Occupazione e Politiche del Lavoro della Regione Lombardia ha stabilito:

1. di modificare ed integrare l’allegato B) del DDUO del 17 aprile 2012 n° 3322 al paragrafo “Offerta pubblica di servizi formativi rivolti agli apprendisti assunti ai sensi della normativa previgente al d.lgs. 167/2011 testo unico dell’apprendistato - Caratteristiche e durata dell’offerta pubblica di servizi formativi” come segue: L’offerta dei servizi formativi rivolti agli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 49 D.Lgs. 276/03 e dell’art. 16 della l. 196/97 descritta di seguito è fruibile, nei limiti delle risorse disponibili, fino al 31 dicembre 2012. Dopo tale data, e fino al 31 dicembre 2013, per gli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 49 D.lgs 276/03 potrà essere fruibile esclusivamente la formazione finalizzata all’acquisizione delle competenze di base/trasversali fino ad un massimo di 40 ore nel rispetto della normativa di riferimento.

2. di modificare ed integrare l’allegato B) del DDUO del 17 aprile 2012 n° 3322 al paragrafo “Priorità regionali e provinciali” come segue, fermo restando il riparto di cui allegato A) del decreto del 05/12/2011 n. 11960:

Le risorse finanziarie dovranno essere destinate secondo il seguente ordine di priorità regionale (mediante “riparto” delle risorse in base alla stima del volume della specifica domanda):

1. copertura totale della domanda di formazione base/trasversali per l’apprendistato professionalizzante e di mestiere ai sensi dell’art.4 d.lgs. 167/2011;

2. copertura della domanda di servizi integrati per prime annualità di contratti ex d.lgs. 276/03, e, in subordine, delle seconde e terze annualità e comunque non oltre il 31/12/2012;

3. copertura, per gli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 49 D.lgs 276/03, dal 1 gennaio 2013 e fino al 31 dicembre 2013, della domanda di formazione finalizzata all’acquisizione delle competenze di base/trasversali fino ad un massimo di 40 ore;

4. eventuale copertura della domanda relativa ad apprendisti assunti ai sensi dell’art. 16, l. 196/97.

La formazione finanziata.

Per gli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 4 del D.Lgs. 167/2011, Regione Lombardia con la DGR del 25 gennaio 2012, n. 2933 ha definito gli standard minimi e la durata della formazione per l’acquisizione di competenze di base e trasversali in relazione al titolo di studio posseduto dagli apprendisti:

120 ore nel triennio (o quinquennio nel caso di assunzioni nell’artigianato) per gli apprendisti in possesso della sola licenza di scuola secondaria di primo grado (cd. licenza media) o privi di titolo di studio;

80 ore nel triennio (o quinquennio nel caso di assunzioni nell’artigianato) per gli apprendisti in possesso di attestato di qualifica o diploma professionale, o diploma d’istruzione;

40 ore nel triennio (o quinquennio nel caso di assunzioni nell’artigianato) per gli apprendisti in possesso di laurea o di altri titoli di livello terziario.

• le restanti ore tecnico-professionali, indicati nel CCNL di riferimento e negli Accordi settoriali sono erogate direttamente dall’azienda.

A partire dal 01/01/2013 sarà possibile finanziare esclusivamente la formazione di base/trasversale D.Lgs. 167/2011 (TESTO UNICO) nel rispetto degli standard minimi formativi elencati D.G.R. n. 2933 del 25.01.2012.

Pertanto, a partire dal 01.01.2013 i periodi di formazione relativa alle competenze base/trasversali svolti nel corso del 2012 sono considerati ai fini dell’assolvimento del monte-ore formazione previsto dalla disciplina regionale di cui alla DGR n. 2933 del 25.01.2012.
Homepage Chi siamo CdA Ultime news Archivio news Introduzione Corsi disponibili Come iscriversi Contatti utili Dove siamo Scrivi ad APAF Accedi Registrati PWD dimenticata Come iscriversi
Sede legale: Piazza Lega Lombarda n. 4 23900 Lecco LC | C.F.: 03206890133 | PEC: apaf@legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy